Lunedì 16 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La verità è l’esatto contrario

Alfonso Pascale

Il ministro Centinaio annuncia che il governo chiederà al Parlamento di non ratificare il CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement), il trattato commerciale tra Unione europea e Canada. Il motivo di questa posizione è che l'accordo tutelerebbe solo una piccola parte dei prodotti tipici. 

La verità è l’esatto contrario. L’assenza di ogni tutela è la situazione attuale, il Ceta invece riconosce 143 certificazioni tipiche europee, di cui 41 italiane. Certo, non sono tutte e quelle che sono rimaste fuori potrebbero essere teoricamente imitate in Canada. Ma per capire di cosa si parla bisogna considerare che per l’Italia l’80 per cento della produzione e oltre il 90 per cento dell’export agroalimentare Dop/Igp sono composti da 10 prodotti, tutti tutelati dal Ceta. Anzi, il Ceta ne riconosce un’altra trentina, inclusi il cappero di Pantelleria, il kiwi di Latina e la lenticchia di Castelluccio, prodotti che comunque difficilmente verrebbero imitati tra Vancouver e Montréal. 

Gran parte del settore agroalimentare è favorevole all’accordo con il Canada: da Cia e Confagricoltura fino a tutti i principali consorzi (prosciutto di Parma, aceto di Modena, gorgonzola, Grana padano e Parmigiano reggiano). Ma il ministro Centinaio tiene conto solo della posizione della Coldiretti, che sarebbe invece preoccupata per le importazioni di grano duro.

La Cia ha dimostrato che dal 21 settembre 2017, cioè da quando l'accordo è provvisoriamente in vigore, l’approvvigionamento di grano canadese è diminuito del 35%. Si conferma, così, la tendenza che ha caratterizzato gli arrivi negli ultimi anni: nel triennio 2014-2017, le importazioni di frumento sono passate da 1,6 milioni (2014) a 795 mila (2017). Ma sappiamo che un conto sono i dati reali e un altro conto è la percezione.

La Coldiretti utilizza molto l'allarmismo nella sua comunicazione e ha bisogno di dire che siamo invasi dal grano canadese. Non importa se poi i cittadini hanno la percezione di una situazione irreale e si fanno un'idea su dati di fatto errati.

Alfonso Pascale - 19-06-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Le Dop e le Igp sono marcatori culturali

Le Dop e le Igp sono marcatori culturali

La Treccani apre ai prodotti con attestazione di origine. Pubblicata dall’Istituto della Enciclopedia Italiana l’edizione 2020 dell’Atlante Qualivita

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora