Mercoledì 20 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Sappiamo comunicare l’olio?

Luigi Caricato

In molte occasioni mi trovo impegnato a spiegare come si debba comunicare l’olio. Lo faccio in vari convegni e talk show nei quali sono chiamano in veste di relatore. Io accolgo molto volentieri l’invito, ogni volta. Anche perché, oltre ad avere tanti utili suggerimenti da trasmettere, mi piace mettere in evidenza soprattutto gli errori che in tanti nemmeno si rendono conto di commettere.

C’è da osservare che la comunicazione dell’olio in Italia è da ritenere intimamente e orgogliosamente vetusta. In fondo tutti lo sanno, ma preferiscono percorrere la tradizione anziché inventare nuove formule. Questo atteggiamento è un chiaro segno di compiaciuto arretramento, perché se si guarda a un passato, nemmeno tanto lontano, un tempo c’erano più idee e contenuti più forti e soldi.

Chi comunica l’olio non ha saputo rinnovarsi, ma non riesce nemmeno lontanamente a immaginare un approccio diverso dal consueto. Tutto poggia su slogan abusati. Se l’altro ieri era “olive raccolte a mano” e ieri “prima spremitura a freddo”, oggi la parola magica è diventata “polifenoli”, ma restano solo refrain senza efficacia, puri suoni e nulla più.

Non si pensano soluzioni realmente nuove, alternative. Figurarsi l’idea di pensare a qualcosa di profondamente rivoluzionario. Non è possibile. non passa dalla mente di nessuno l’esigenza di dare una svolta. Se l’olio da olive è cambiato rispetto al passato, non è per nulla cambiato il modo di comunicare l’olio. Si è stancamente ripetitivi. Ciò che oggi pensiamo sia innovazione, non è altro che una riproduzione di ciò che è già avvenuto in passato, in una logica di continuo riadattamento. E’ un po’ come vestire i panni già indossati dai nostri nonni.

Non c’è un nuovo modello, si preferisce l’usato sicuro. Questo atteggiamento riguarda sia le piccole aziende, sia quelle grandi. Non è una questione di investimenti, ma di carenza di idee. L’aspetto più allarmante è che nessuno se ne rende conto. Alcuni pensano di essere innovatori, ma sono soltanto replicanti.

Arriverà il tempo in cui qualcuno deciderà finalmente di innovare?
La verità è che ci vogliono nuove formule di comunicazione. In passato questo lavoro lo abbiamo fatto egregiamente, da grandi maestri. Oggi invece stentiamo, e, a volte, ci illudiamo anche di comunicare bene.

Luigi Caricato - 12-07-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Innovazioni. Fratelli Carli, la storica azienda olearia ligure, entra nel mondo digical - neologismo generato dalla crasi tra le parole “digital” e “physical” -  e allarga il numero di punti di contatto con la propria clientela. Dopo la vendita per corrispondenza, l’e-commerce e la catena retail degli Empori, l’azienda potenzia il proprio percorso verso l’omnicanalità e lancia a Monza il prototipo di self-machine refrigerata, dedicata ai piatti tipici della propria regione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria