Mercoledì 17 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Siamo proprio sicuri del germoplasma olivicolo?

Luigi Caricato

Tutti elogiamo la biodiversità olivicola italiana, io per primo. Quante volte ho scritto con toni enfatici delle 538 cultivar censite, pur consapevole che di fatto sono molto meno quelle che si traducono in oli tratti da varietà di olive concretamente presenti sul mercato. 

Se ci fate caso, sono poche decine in tutto le cultivar da cui si ricavano la gran parte degli extra vergini. Pensate che solo in Puglia, la regione serbatoio d’Italia, gli olivi appartengono solo a quattro varietà: la Peranzana all’estremità Nord della regione, la Coratina nel nord Barese, la Cellina di Nardò nell’estremo sud, nel Salento, e, a unire l’intero territorio, le Ogliarola, con le varie declinazioni: garganica, barese, salentina. E il resto? È solo immaginazione. Tante cultivar, ma poco influenti sui quantitativi d’olio estratti.

Ho come la sensazione che ci stia sfuggendo di mano l’immenso patrimonio varietale di cui pure disponiamo, almeno sulla carta.

Ho un altro timore, che mi sembra giusto evidenziare. Quando nel recente passato – negli anni d’oro in cui il denaro pubblico pioveva sulle teste di molti –  si sono piantati olivi nelle varie regioni italiane, con grandi punti interrogativi. Infatti, resta da chiedersi quanto di questo materiale vegetale era davvero attendibile e certificato, corrispondente al vero, rispetto a quanto dichiarato nelle fatture di vendita? Quanti, tra gli olivicoltori, si sono trovati una cultivar diversa da quella richiesta, soprattutto se le cultivar erano meno diffuse?

Sono domande lecite, cui dobbiamo pur rispondere. 

Siamo proprio sicuri del germoplasma olivicolo? 

Questa, e altre, sono domande lecite. Perché anche da qui dovremmo ripartire. Per ridare dignità all’oliveto Italia, occorre far chiarezza sugli olivi presenti e in seguito adoperarsi per fare tutto il resto. Soprattutto piantare nuovi olivi.

 

Luigi Caricato - 25-09-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

Novità di prodotto. La storica azienda olearia di Imperia, che dal 1911 produce e distribuisce per corrispondenza i propri prodotti in Italia e in diversi Paesi nel mondo, presenta un nuovo olio: il Monocultivar Taggiasca. Si amplia così l’offerta, introducendo il sesto extra vergine della gamma.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo