Mercoledì 12 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Siamo proprio sicuri del germoplasma olivicolo?

Luigi Caricato

Tutti elogiamo la biodiversità olivicola italiana, io per primo. Quante volte ho scritto con toni enfatici delle 538 cultivar censite, pur consapevole che di fatto sono molto meno quelle che si traducono in oli tratti da varietà di olive concretamente presenti sul mercato. 

Se ci fate caso, sono poche decine in tutto le cultivar da cui si ricavano la gran parte degli extra vergini. Pensate che solo in Puglia, la regione serbatoio d’Italia, gli olivi appartengono solo a quattro varietà: la Peranzana all’estremità Nord della regione, la Coratina nel nord Barese, la Cellina di Nardò nell’estremo sud, nel Salento, e, a unire l’intero territorio, le Ogliarola, con le varie declinazioni: garganica, barese, salentina. E il resto? È solo immaginazione. Tante cultivar, ma poco influenti sui quantitativi d’olio estratti.

Ho come la sensazione che ci stia sfuggendo di mano l’immenso patrimonio varietale di cui pure disponiamo, almeno sulla carta.

Ho un altro timore, che mi sembra giusto evidenziare. Quando nel recente passato – negli anni d’oro in cui il denaro pubblico pioveva sulle teste di molti –  si sono piantati olivi nelle varie regioni italiane, con grandi punti interrogativi. Infatti, resta da chiedersi quanto di questo materiale vegetale era davvero attendibile e certificato, corrispondente al vero, rispetto a quanto dichiarato nelle fatture di vendita? Quanti, tra gli olivicoltori, si sono trovati una cultivar diversa da quella richiesta, soprattutto se le cultivar erano meno diffuse?

Sono domande lecite, cui dobbiamo pur rispondere. 

Siamo proprio sicuri del germoplasma olivicolo? 

Questa, e altre, sono domande lecite. Perché anche da qui dovremmo ripartire. Per ridare dignità all’oliveto Italia, occorre far chiarezza sugli olivi presenti e in seguito adoperarsi per fare tutto il resto. Soprattutto piantare nuovi olivi.

 

Luigi Caricato - 25-09-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti