Lunedì 15 Ottobre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Siamo proprio sicuri del germoplasma olivicolo?

Luigi Caricato

Tutti elogiamo la biodiversità olivicola italiana, io per primo. Quante volte ho scritto con toni enfatici delle 538 cultivar censite, pur consapevole che di fatto sono molto meno quelle che si traducono in oli tratti da varietà di olive concretamente presenti sul mercato. 

Se ci fate caso, sono poche decine in tutto le cultivar da cui si ricavano la gran parte degli extra vergini. Pensate che solo in Puglia, la regione serbatoio d’Italia, gli olivi appartengono solo a quattro varietà: la Peranzana all’estremità Nord della regione, la Coratina nel nord Barese, la Cellina di Nardò nell’estremo sud, nel Salento, e, a unire l’intero territorio, le Ogliarola, con le varie declinazioni: garganica, barese, salentina. E il resto? È solo immaginazione. Tante cultivar, ma poco influenti sui quantitativi d’olio estratti.

Ho come la sensazione che ci stia sfuggendo di mano l’immenso patrimonio varietale di cui pure disponiamo, almeno sulla carta.

Ho un altro timore, che mi sembra giusto evidenziare. Quando nel recente passato – negli anni d’oro in cui il denaro pubblico pioveva sulle teste di molti –  si sono piantati olivi nelle varie regioni italiane, con grandi punti interrogativi. Infatti, resta da chiedersi quanto di questo materiale vegetale era davvero attendibile e certificato, corrispondente al vero, rispetto a quanto dichiarato nelle fatture di vendita? Quanti, tra gli olivicoltori, si sono trovati una cultivar diversa da quella richiesta, soprattutto se le cultivar erano meno diffuse?

Sono domande lecite, cui dobbiamo pur rispondere. 

Siamo proprio sicuri del germoplasma olivicolo? 

Questa, e altre, sono domande lecite. Perché anche da qui dovremmo ripartire. Per ridare dignità all’oliveto Italia, occorre far chiarezza sugli olivi presenti e in seguito adoperarsi per fare tutto il resto. Soprattutto piantare nuovi olivi.

 

Luigi Caricato - 25-09-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un sabato nell'olio, un sabato italiano

Un sabato nell'olio, un sabato italiano

Crescono le attenzioni da parte dei frantoi verso l'accoglienza. A Verona la storica e prestigiosa famiglia Salvagno, una tradizione consolidata nell'arte olearia, accoglie tutti coloro che vorranno assistere all'intero ciclo della produzione, dalla raccolta delle olive alla loro frangitura con i due metodi tradizionale e in continuo, fino a ritrovare l'olio in bottiglia dopo averlo opportunamente degustato

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio secondo Vittorio Sgarbi

Nostra intervista al celebre critico d’arte e opinionista su una materia prima, l'olio extra vergine di oliva, tra le più significative e determinanti per una sana e corretta alimentazione. La produzione dell'olio è una operazione dell'uomo. Si tratta, in quanto tale di una operazione diretta della natura, ed essendo l'olio un elemento primario, è prova che Dio è uno solo

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato