Mercoledì 20 Giugno 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Speranze non ce ne sono più

Luigi Caricato

Speranze per il sud non ce ne sono più. Continua a vincere lo stile di vita improntato sull’assistenza perenne, sull’essere mantenuti dallo Stato senza cercare di lavorare o fingendo di lavorare in un ente pubblico, o facendo carte false per guadagnare una falsa pensione di invalidità, o arruolandosi nella criminalità per sentirsi qualcuno. Insomma, è un popolo bifronte. Da una parte il sud creativo e lavoratore che emigra al nord o all’estero, per apportare ricchezza altrove, e poi quelli che ancora resistono al sud, rimanendoci e lavorando sodo, per pagare il reddito di cittadinanza ai fannulloni che preferiscono vivere senza sprecare energie; dall'altra quelli che cercano il sussidio, quanto basta per vivere.

Ciò che caratterizza il meridione, quasi una maledizione perpetua, è affidarsi a chiunque, purché si vivacchi alle spalle degli altri. Dalle promesse della vecchia DC alle promesse dei 5 Stelle non è cambiato nulla, resta il solito meridione che vuol restare eterna palla al piede del Paese, terra di conquista per chi voglia incamerare voti offrendo in cambio la speranza di una vita tranquilla e oziosa, senza far nulla, con il risultato che le migliori risorse fuggono altrove lasciando definitivamente sprofondare il sud, che è poi là dove sono nato, tanto per intenderci, in quella terra senza speranze da dove nel 1984 sono andato via. Ma nemmeno l’Italia, alla luce dei risultati elettorali, in coscienza, sta tanto meglio. Più che la classe politica, è il popolo italiano che sta peggio dei propri rappresentanti. Un Paese vocato alla mediocrità, insomma.

Tutto ciò, beninteso, lo si scrive senza alcun risentimento politico, per via dei risultati elettorali, ma per una valutazione che si spera porti a una condivisione da parte del lettore.

Alla luce di tutto ciò, si comprende anche molto bene come l'olivicoltura italiana, e indirettamente il comparto oleario, risentano della vocazione tutta italiana a vivere di sussidi e finanziamenti pubblici, senza mai investire in proprio, assumendosi un rischio di impresa concreto, senza tanti paracadute. Potrei sbagliarmi, in questa mia analisi, certo, ma questa, credetemi in tutta franchezza, è la mia sensazione.

Luigi Caricato - 06-03-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Dal 27 al 29 giugno, un corso realizzato secondo i criteri e le modalità stabiliti dalle linee guida per la formazione dei panel leader e dei giudici di analisi sensoriale delle olive da tavola del Consiglio Oleicolo Internazionale a Bologna, a cura dell'Università di Bologna e Serinar, con la regia del panel leader Coi Roberto De Andreis

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La cultura dell’olio attraverso gli chef

Il mondo della ristorazione oggi è molto vivace, dinamico e attento. A sostenerlo, in una intervista rilasciata nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione (a Milano, il 28 maggio 2018), è stata Maria Francesca Di Martino. Preziose le sue considerazioni, molto utili al fine di capire come procedere con un corretto impiego degli oli extra vergini di oliva in cucina. Ed ecco allora, dalla Puglia, gli oli a marchio “Schinosa”: gli extra vergini da olive Coratina, più complessi e non adatti a tutti gli utilizzi, e quelli ottenuti invece dalla cultivar Peranzana, molto più morbidi e facili da abbinare

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese