Martedì 19 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Speranze non ce ne sono più

Luigi Caricato

Speranze per il sud non ce ne sono più. Continua a vincere lo stile di vita improntato sull’assistenza perenne, sull’essere mantenuti dallo Stato senza cercare di lavorare o fingendo di lavorare in un ente pubblico, o facendo carte false per guadagnare una falsa pensione di invalidità, o arruolandosi nella criminalità per sentirsi qualcuno. Insomma, è un popolo bifronte. Da una parte il sud creativo e lavoratore che emigra al nord o all’estero, per apportare ricchezza altrove, e poi quelli che ancora resistono al sud, rimanendoci e lavorando sodo, per pagare il reddito di cittadinanza ai fannulloni che preferiscono vivere senza sprecare energie; dall'altra quelli che cercano il sussidio, quanto basta per vivere.

Ciò che caratterizza il meridione, quasi una maledizione perpetua, è affidarsi a chiunque, purché si vivacchi alle spalle degli altri. Dalle promesse della vecchia DC alle promesse dei 5 Stelle non è cambiato nulla, resta il solito meridione che vuol restare eterna palla al piede del Paese, terra di conquista per chi voglia incamerare voti offrendo in cambio la speranza di una vita tranquilla e oziosa, senza far nulla, con il risultato che le migliori risorse fuggono altrove lasciando definitivamente sprofondare il sud, che è poi là dove sono nato, tanto per intenderci, in quella terra senza speranze da dove nel 1984 sono andato via. Ma nemmeno l’Italia, alla luce dei risultati elettorali, in coscienza, sta tanto meglio. Più che la classe politica, è il popolo italiano che sta peggio dei propri rappresentanti. Un Paese vocato alla mediocrità, insomma.

Tutto ciò, beninteso, lo si scrive senza alcun risentimento politico, per via dei risultati elettorali, ma per una valutazione che si spera porti a una condivisione da parte del lettore.

Alla luce di tutto ciò, si comprende anche molto bene come l'olivicoltura italiana, e indirettamente il comparto oleario, risentano della vocazione tutta italiana a vivere di sussidi e finanziamenti pubblici, senza mai investire in proprio, assumendosi un rischio di impresa concreto, senza tanti paracadute. Potrei sbagliarmi, in questa mia analisi, certo, ma questa, credetemi in tutta franchezza, è la mia sensazione.

Luigi Caricato - 06-03-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Barabàn 2016, di Fattoria Eolia

Il vino della settimana: Barabàn 2016, di Fattoria Eolia

Un Cabernet delle Venezie 2015 tipico e di ottima beva. Intenso all’esame olfattivo e dal sapore svanisce in poco tempo ma che nel complesso risulta piacevole e caratteristico, con note di frutta rossa.  > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Innovazioni. Fratelli Carli, la storica azienda olearia ligure, entra nel mondo digical - neologismo generato dalla crasi tra le parole “digital” e “physical” -  e allarga il numero di punti di contatto con la propria clientela. Dopo la vendita per corrispondenza, l’e-commerce e la catena retail degli Empori, l’azienda potenzia il proprio percorso verso l’omnicanalità e lancia a Monza il prototipo di self-machine refrigerata, dedicata ai piatti tipici della propria regione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L' olio di sansa ha una grossa carta da giocare

OOF 2019. Nell'ambito di Olio Officina Festival, è stato presentato un interessante studio (commissionato da Pantaleo Spa e condotto dall'Università di Udine) su un olio che per tanti anni è stato trascurato ma che merita ben altra considerazione, anche in ragione dell'alto contenuto in acido oleico e al contenuto elevato di tocoferoli. Intervista al professor Lanfranco Conte

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 7

OOF International Magazine numero 7

Anche l'edizione invernale della rivista trimestrale di Olio Officina ha avuto un vasto consenso, presentata in esclusiva nell'ambito di Olio Officina festival 2019 e di cui abbiamo avuto più occasioni per scriverne. Il tema portante? L’olio a fumetti. Nuovi stili, nuovi linguaggi. Il consiglio è di abbonarsi e non perdere nessuno dei numeri. È possibile anche richiedere i numeri arretrati