Martedì 15 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Il Giappone per l'olio

Il paese asiatico è sempre più coinvolto e dimostra ogni anno una attenzione sempre più qualificata  per gli oli da olive, con particolare evidenza per la valenza salutistica e nutrizionale degli extra vergini. I giapponesi non si limitano ad acquistare dai maggiori paesi produttori, ma essi stessi investono in olivicoltura, come accade in particolare nella regione del Kagawa. Grande valore viene anche attribuito alle foglie d’olivo, utilizzate nella lavorazione del tonno

Consiglio Oleicolo Internazionale

Il Giappone per l'olio

Dopo gli incontri dello scorso anno, in questi giorni la delegazione del Coi guidata dal direttore esecutivo Abdlellatifi Ghedira, accompagnato da Ender Gunduz, capo dell’Unità di economia e promozione, ha incontrato una delegazione del Parlamento giapponese. Si tratta del primo incontro dei rappresentanti del Coi a livello parlamentare.

La delegazione del segretariato esecuitvo ha incontrato “the Parliament Olive Oil Study Group”, un apposito gruppo di studio costituito a livello parlamentare per approfondire l’impatto che avrebbe sul sistema nipponico l’adesione del Giappone all’accordo internazionale dell’olio di oliva e delle olive da tavola Coi.

Ghedira ha incontato il presidente del gruppo Takeo Kawamura che ha ricordato le attività del gruppo da lui coordinato per avvicinare la normativa giapponese agli standard del Consiglio oleicolo internazionale. La signora  Eriko Yamatani ha moderato gli interventi di Hiroshi Hiraguchi, Seigo Kitamura. All’incontro ha preso parte il ministro Minister of Information Technology Takuya Hirai. 

Il ministro ha sottolineato l’importanza salutistica dell’olio extra vergine di oliva e dei suoi derivati. Ha fornito i dati in espansione dell’olivicoltura della regione del Kagawa e citato come esempio le foglie d’olivo. Queste foglie in Giappone vengono utilizzate nella lavorazione del tonno.

Il prodotto che viene venduto ad un prezzo maggiore rispetto a quello senza foglie d’olivo. Questa prassi ha conferito al prodotto un ulteriore valore aggiunto economico oltre a quello già noto nel campo della salute. “Lo sviluppo delle relazioni prosegue", ha riferito Ghedira nella prospettiva di un auspicato ingresso del Giappone tra i paesi membri del Coi.

 

 

In apertura, foto di Olio Officina, nel corpo dell'articolo la foto è del Coi

Consiglio Oleicolo Internazionale - 25-02-2019 - Tutti i diritti riservati

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo