Martedì 22 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > mondo

Questo non è un caffè

E’ invece un Kona blend, anche perché, purtroppo, un Kona 100%, questa varietà di Arabica, è molto rara. Viene coltivata sulle pendici dei vulcani Hualalai e Mauna Loa situati nella regione chiamata appunto Kona e facente parte dell'arcipelago delle Hawaii

Daniele Tirelli

Questo non è un caffè

La combinazione del terreno vulcanico e del clima caldo umido delle isole, fa sì che questo caffè si arricchisca di molecole aromatiche uniche nel loro genere.
Naturalmente il caffè non è una pianta autoctona delle Hawaii e vi fu importato dal Brasile, nel 1828, dal reverendo Samuel Ruggles. La fortuna delle piantagioni fu invece il frutto dell’impresa di Henry Greenwell.

Purtroppo non sono mai riuscito a provare un Kona 100% che, ho scoperto, dovrebbe essere presente anche nei "Trader Joe’s" che ho visitato più volte.
Quello portato dagli USA l’ho acquistato da “The Fresh Market” ed è una miscela con altri Arabica superiori e con una decente percentuale di Kona.

In purezza questo caffé è floreale, fruttato (cioè con una lievissima acidità che di solito non piace ai consumatori Italiani). Presenta sentori di caramello, cioccolato e nocciole tostate. È mediamente corposo e richiede una tostatura media che gli conferisce un amaro moderato.

Per non rovinarlo, io l’ho preparato alla turca, cioè in forma di infuso. Ho disperso la polvere molto fine in acqua portata ad ebollizione, ritratta e rimessa sul fuoco per tre volte, rapidamente, una volta raggiunto il bollore. L’immediato abbassamento dai 100 gradi fa sì che le componenti aromatiche non si volatilizzino. Ovviamente, occorre far sedimentare la polvere e il caffé (amaro nel mio caso) si beve quando raggiunge più o meno 50 gradi. Ovvio che, in simile forma, un caffè del genere non piace al 99% dei nostri connazionali.

A Milano si trova il 100% Arabica Hawaii Extra Fancy Captain Cook Kona da Hodeidah Torrefazione Storica - Via Piero della Francesca, 8, sebbene su Internet non si faccia riferimento al suo prezzo. Vedremo...

Le foto sono dell'autore

Daniele Tirelli - 14-07-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Ottenuta l'ambita certificazione conosciuta come Sistema per la rintracciabilità nella filiera agroalimentare, la nota azienda sarda di Alghero, molto apprezzata per i suoi oli extra vergini di oliva, festeggia il coronamento di un importante e concreto riconoscimento 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti