Culture pagina 24 di 86

In Italia contano i “contatti”

Mariolina Venezia


L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Nicola Dal Falco


Come comunicano gli organismi di controllo

Luigi Caricato


Siamo fermi, e perfino ostili

Luigi Caricato

Il calendario dell’olio Agridè

Sfoglia, sfoglia, il calendario serve a metterci in contatto con lo scorrere dei giorni. C’è il passato che è passato da poco, ma poi pian piano si allontana, perché i giorni scorrono senza tregua. E c’è il presente così come c’è il futuro, che poi comunque ci raggiunge. Per dodici mesi ci accompagna, giorno dopo giorno, tanto vale averne uno bello e che ci rappresenti

Maria Carla Squeo


Abitare la terra

Coltivarla e farla rifiorire, è questo il primo pensiero sorto alla lettura del libro Educarci all'agricoltura sociale di Alfonso Pascale. “Far fiorire“ indica lo scopo finale del lavoro umano. La terra è un immenso giardino che Dio ha affidato alle cure dell’uomo perché egli lo coltivi e lo custodisca. Il libro mette in evidenza il valore dell’agricoltura sociale non in una forma nostalgica, ma come una nuova modalità di costruire un’impresa e di ridare bellezza al creato

Vito Angiuli


L'irriconoscenza del mondo dell'olio

Luigi Caricato


L’olivicoltore Jean Reno

Siate pronti, a breve sarà nelle sale il film di Rose Bosch, “Un’estate in Provenza”, prodotto da Ilan Goldman, con Jean Reno e Anna Galiena. Cosa ha di così speciale questa pellicola? Il protagonista, Paul, si rifugia tra gli olivi, dove trova grande sollievo. Gli alberi gli ridonano uno spirito e uno scopo. I nipoti lo costringono invece a confrontarsi con se stesso, e con il mondo. Sono due generazioni, l’una di fronte all’altra, a confronto

Olio Officina


Gli illusionismi del Naturale

Lo scempio che si fa di tale aggettivo deve metterci in guardia. Il consumatore viene investito sempre più da una propaganda fin troppo attraente. Occorre una maggiore tutela, individuando una specifica definizione. Per assegnare la qualifica di naturale a un cibo odierno, frutto di trasformazioni, trasporti e conservazioni di non breve tempo vogliamo non applicare le tecnologie termiche, conservative di pastorizzazione o addirittura di irradiazione? E inoltre: laddove si utilizzano diserbanti chimici o insetticidi, è possibile applicare la dizione di “naturale”?

Alberto Guidorzi

Cosa leggere nel 2016

Ci sono tanti libri in attesa di essere letti, noi ne consigliamo alcuni, da un romanzo storico di Tracy Chavalier sugli agricoltori migranti al nuovo romanzo ecologista di Muriel Barbery, in attesa dell’uscita, il 16 febbraio, del romanzo Le aggravanti sentimentali di Antonio Pascale e, in aprile, del saggio di Giorgio Boatti, Portami oltre il buio

Olio Officina


Il Paese dell'alcol

E’ in libreria per Einaudi un nuovo romanzo del premio Nobel per la letteratura Mo Yan. Contiene, nella storia che narra, una dura invettiva contro la corruzione, coltivata dai funzionari al potere e divenuta una necessità di sopravvivenza, che pervade la società. E’ un noir a tinte forti e insieme un ritratto inquietante della Cina profonda. L'ispettore Ding Gou'er è sulle tracce di un orrendo traffico che consente ad alcuni selezionati ristoranti di offrire ai propri clienti un cibo prelibatissimo: la carne di neonato

Olio Officina


L’olio da agricoltura sociale

Tutto nasce nel 2013, con il Progetto Capovolti. L'idea è precedente ed è il frutto dell'incontro di due menti "folli": uno psicologo, Francesco Napoli, e una counselor esperta di marketing, Nathalie Franchet. Che si racconta. La cooperativa oggi gestisce una fattoria sociale con otto ettari di terra e mille ulivi in collina. La nuova sfida: produrre olio extra vergine di oliva di qualità, certificato biologico

Olio Officina


È necessario piantare nuovi ulivi

Antonio Pascale

Essere all’avanguardia

Luigi Caricato


Come ti comunico l’olio

Dall'olio industrialmente puro all'olio d'alta quota: dal passato all'avanguardia della futura comunicazione. Uno studio comparativo tra vecchie modalità comunicative (nel periodo tra le due guerre, prendendo come riferimento un reportage del 1926, tratto dalla rivista L'illustrazione italiana) riguardo produzione e commercio italiano dell'olio d'oliva – con messaggi perseguenti soprattutto idee di omogeneizzazione, purezza e standardizzazione di prodotto – e i più attuali (e forse anche futuri) messaggi, fondati, al contrario, sulla differenziazione delle specifiche cultivar e di specifiche situazioni ambientali

Giuseppe Stagnitto, Flavio Lenardon


Religiosità e agricoltura

Alla base della scelta compiuta da Emilio Sereni e Manlio Rossi-Doria, nello studiare i problemi dell’agricoltura, vi fu l’esperienza religiosa in cui restarono temporaneamente coinvolti entrambi da giovani. I due si sono occupati entrambi di politica agraria e di ruralità nelle sue innumerevoli sfaccettature (scientifica, storica, sociologica, antropologica, economica, ecc.) con ruoli diversi ma sempre di primo piano

Alfonso Pascale

Iscriviti alle
newsletter

Messaggio ai produttori d'olio

Luigi Caricato


L’olio italiano in mano alla mafia

Luigi Caricato


Filo d’amore

Narrazioni. Mario Oliveri si era svegliato quella mattina con una strana euforia addosso. E inconcludenza. Non riusciva a farsi il caffè, pensando prima di radersi, ma poi, dal bagno, ritornava in cucina a trafficare con la vecchia Bialetti. Parlava con Nelson. Riponeva un libro nello scaffale. Poi tutto si era ricomposto come d’incanto e ogni cosa era stata fatta nell’ordine prestabilito

Mariapia Frigerio


La più brutta pagina del 2015

Luigi Caricato

Cosa aspettarsi di nuovo

Luigi Caricato


Mai sprecare cibo

Anche l’industria e il mondo della distribuzione sprecano. Non è possibile però proseguire in tale direzione senza far nulla. Occorre limitare i danni e migliorare l’efficienza della catena alimentare. Le conseguenze non sono soltanto etiche, economiche, sociali e nutrizionali, ma anche sanitarie e ambientali. L’attuale normativa italiana collide con la politica di lotta allo spreco alimentare e va necessariamente rivista e perfezionata

Antonella Carbone


Storie per il Natale

Ci sono libri adatti alla festività religiosa, capaci di entrare nel tessuto vivo delle attese di ciascuno di noi. Segnaliamo alcuni testi, sia per adulti, sia per bambini. Da Papa Francesco a Mauro Corona, da Selma Lagerlöf a Camilla Läckberg, da Gianni Rodari ad altri autori

Olio Officina