25 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Il grande Emilio Sereni

Una figura di straordinaria importanza di cui non ci si deve mai dimenticare. Nel 1972 propose la nascita dell'Istituto per la storia del movimento contadino e dell'agricoltura, dell'antifascismo e della resistenza nelle campagne. Fu un uomo di profonda cultura e di grande spessore morale. All'Istituto Cervi donò una raccolta libraria che racchiude un progetto culturale originale, una razionalità impressa dall'intellettuale che ha costruito il patrimonio in una vita di studi

Alfonso Pascale

Il grande Emilio Sereni

Emilio Sereni aveva una memoria straordinaria ed era capace di divorare più libri in un solo giorno. Possedeva un metodo particolare per raccogliere informazioni librarie: ritagliava qualunque notizia bibliografica e la incollava su schede che ordinava sistematicamente per materie e periodi cronologici. Usava i libri come strumenti di lavoro, segnando con la matita rossa e blu i paragrafi che considerava più interessanti. Per ogni libro che possedeva compilava una scheda con diverse parole chiave, tematiche e cronologiche. Il tutto andava a finire in un immenso schedario, fatto di fogliettini di carta sottile, che si possono stimare in centinaia di migliaia. Ritagliava le riviste articolo per articolo, trasformandole in estratti che ricollocava in raccoglitori secondo una classificazione sistematica per argomenti. Dalla linguistica alla storia antica, dall'archeologia all'antropologia, dall'economia alla filosofia, dalla cibernetica alle altre scienze, tantissimi erano gli interessi di Sereni. Conosceva a fondo l'ebraico biblico e l'aramaico, la cui padronanza gli derivava dalla sua primitiva passione per il sionismo.

Parlava e leggeva correntemente numerose lingue, tra cui l'inglese, il tedesco, il francese, lo spagnolo, il russo, il giapponese. 

Nel 1972 Sereni propose la nascita dell'Istituto per la storia del movimento contadino e dell'agricoltura, dell'antifascismo e della resistenza nelle campagne. Esso fu promosso dall'Alleanza nazionale dei contadini, dall'Anpi, dalla Provincia di Reggio Emilia e dal Comune di Gattatico e fu intitolato ad "Alcide Cervi". Sereni donò all'Istituto Cervi la sua ricchissima biblioteca, composta di libri, schede bibliografiche, raccoglitori di articoli e tantissime buste in cui sono conservate le carte dello studioso e politico comunista. 

Si tratta di una raccolta libraria di particolare interesse perché rappresenta un progetto culturale originale, una razionalità impressa dall'intellettuale che ha costruito il patrimonio in una vita di studi. Non c'è un profilo ideologico a tenere insieme il fondo ma innumerevoli fili tematici che tendono a definire un grumo di problemi. Luigi Einaudi aveva descritto con precisione questa dimensione della raccolta privata. Scriveva nel numero di chiusura de “La Riforma sociale”: "La raccolta privata, quando c’è, è come lo specchio del raccoglitore. Contiene il materiale dei suoi studi, gli amici spirituali nella cui compagnia egli visse, fa conoscere di quali autori e di quali problemi egli si sia interessato. Essa ha un’anima; e tra i numeri che lo compongono corrono vincoli, che ne fanno qualcosa di unito e di vivente". 

La figlia di Sereni, Clara, nello stupendo affresco della sua famiglia, qual è Il gioco dei regni, racconta così il distacco di Emilio dai suoi libri: "Quando gli strappi alla sua rete, sommandosi, gli resero irriconoscibile il mondo, si separò da tutti i suoi libri, se li allontanò: e fu come farsi cieco. Decine di casse caricate sui camion, su ciascuna la targhetta esplicativa incollata con scrupolo puntiglioso. Via anche i fascicoli ricavati dalle riviste, via le bibliografie monumentali, via la corrispondenza ufficiale e quella personale, le agende, i manoscritti dei suoi libri. Attorno a lui metri e metri e metri di librerie svuotate, deserte; sui muri, i segni di quello che non c’era più. [...] Privo del muro di carta che per tanti anni lo aveva rinchiuso e difeso fu ad un tratto vecchio, assai più degli anni che aveva". Sereni morì cinque anni dopo. Ne aveva settanta.

 

Alfonso Pascale - 15-07-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Prodotto da Lucchi & Guastalli a Santo Stefano Magra, in provincia di La Spezia. I meriti di Marco Lucchi?Aver avuto un ruolo importante nella rinascita dell’olivicoltura del Levante ligure e di essere “l’uomo che ha sconfitto la taggiasco dipendenza” > Francesco Bruzzo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo