Sabato 29 Aprile 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Interiorizzare l'eternità

Era una festa di pastori per inaugurare la nuova stagione, un tempo. Ogni capofamiglia sacrificava un agnello che veniva arrostito e consumato con pane azzimo ed erbe amare. Un rito per implorare la protezione divina. Poi venne Gesù Cristo crocifisso e veramente risorto. Oggi la Pasqua è la speranza di un destino umano aperto al futuro

Alfonso Pascale

Interiorizzare l'eternità

La Pasqua cade la prima domenica dopo la luna piena che segue l'equinozio di primavera. Nella tradizione ebraica più antica, era una festa di pastori per inaugurare la nuova stagione. Ogni capofamiglia sacrificava un agnello che veniva arrostito e consumato con pane azzimo ed erbe amare. Un rito per implorare la protezione divina. La vittima doveva essere sana e priva di difetti. E si stava attenti a non spezzarle le ossa. La speranza era che, a fronte del sacrificio di un agnello, tutti gli altri nascessero sani come quello offerto.

Dopo la liberazione del popolo ebraico dalla schiavitù del faraone, avvenuta verso il 1800-1700 a. C., la Pasqua divenne l’occasione per celebrare quell’evento. Quasi duemila anni dopo, assume la sua natura di principale festa cristiana. E questo avviene perché nella giornata precedente il plenilunio di primavera, Gesù Cristo, a Gerusalemme, viene ucciso sulla croce e, dopo tre giorni, risorge. Diviene così la ricorrenza della liberazione dalla morte, quindi della risurrezione. È il nucleo della fede cristiana. La Pasqua cristiana è la festa delle feste, e cristiano è colui che afferma: il Signore è veramente risorto.

Il cristianesimo non è, dunque, una dottrina. Esso nasce e si sviluppa da questa fondamentale proclamazione: Gesù Cristo crocifisso è veramente risorto. Il cristianesimo è l’annuncio di questo evento straordinario che rivela un’attesa costante e universale, scritta nel cuore di ogni uomo e di ogni donna.

La risurrezione di Gesù evoca la speranza di un destino umano aperto al futuro, indicandoci qualcosa di concreto che avviene qui e adesso nella indistruttibilità dei gesti che noi compiamo: gesti di pace, di amore, di perdono, di amicizia, di onestà, di libertà responsabile.

Quando noi ci dedichiamo agli altri, in quel momento stiamo attuando la Pasqua di risurrezione. In questo senso auguro a tutti noi, credenti e non credenti, una buona Pasqua. Auguro cioè a tutti noi di compiere atti positivi, socialmente rasserenanti; decisioni buone, eticamente rilevanti; scelte definitive, responsabilmente assunte. Interiorizziamo così l’eternità e appaghiamo il nostro desiderio di futuro.

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Alfonso Pascale - 16-04-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il mio nome è Italo

Il mio nome è Italo

Un extra vergine abruzzese, frutto di un blend di oli ottenuti da ben cinque cultivar, tra cui la celebre Dritta. All’assaggio l’olio si presenta morbido, senza venir meno alle connotazioni fruttate, che gli attribuiscono corpo e personalità. Versatile, dall'ottimo rapporto qualità, prezzo e rendimento. Reca la firma Fattoria del Torquato > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Ormai è una tappa fissa. Questo bulbo sta diventando un must. Basta poco per gioire dei sapori semplici. Sono sufficienti gli ingredienti essenziali, facili da reperire > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il sepolcro vuoto

Il sepolcro vuoto

Maria di Magdala. Gli evangelisti ne parlano come una delle donne che accompagnavano e assistevano Gesù e che furono presenti nei momenti drammatici della sua passione e morte. Di lei in particolare si precisa, per ben due volte, che era stata liberata da sette demoni > Sante Ambrosi

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

In grazia di Dio, la vita al tempo della crisi

Un momento dell'incontro con il regista Edoardo Winspeare, nell'ambito di Olio Officina Festival 2014, dove aveva presentato il suo ultimo film, con il quale ha partecipato, per l'Italia, al festival di Berlino. In questa pellicola, il regista racconta di una famiglia costretta dalla crisi a chiudere l'azienda e a trasferirsi in campagna. Nonostante le difficoltà e le asprezze della vita nei campi, i protagonisti ritrovano le serenità e il senso della vita comunitaria (Prima parte)

BIBLIOTECA OLEARIA
Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Sono Marco Larentis, Simona De Nicola e Stefano Bonamico, a firmare un libro illustrato per le edizioni Hoepli. Diventato un prodotto "cult della moderna interpretazione della alimentazione consapevole”, il succo di olive è ormai al centro dell’attenzione generale > Luigi Caricato