Lunedì 23 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Interiorizzare l'eternità

Era una festa di pastori per inaugurare la nuova stagione, un tempo. Ogni capofamiglia sacrificava un agnello che veniva arrostito e consumato con pane azzimo ed erbe amare. Un rito per implorare la protezione divina. Poi venne Gesù Cristo crocifisso e veramente risorto. Oggi la Pasqua è la speranza di un destino umano aperto al futuro

Alfonso Pascale

Interiorizzare l'eternità

La Pasqua cade la prima domenica dopo la luna piena che segue l'equinozio di primavera. Nella tradizione ebraica più antica, era una festa di pastori per inaugurare la nuova stagione. Ogni capofamiglia sacrificava un agnello che veniva arrostito e consumato con pane azzimo ed erbe amare. Un rito per implorare la protezione divina. La vittima doveva essere sana e priva di difetti. E si stava attenti a non spezzarle le ossa. La speranza era che, a fronte del sacrificio di un agnello, tutti gli altri nascessero sani come quello offerto.

Dopo la liberazione del popolo ebraico dalla schiavitù del faraone, avvenuta verso il 1800-1700 a. C., la Pasqua divenne l’occasione per celebrare quell’evento. Quasi duemila anni dopo, assume la sua natura di principale festa cristiana. E questo avviene perché nella giornata precedente il plenilunio di primavera, Gesù Cristo, a Gerusalemme, viene ucciso sulla croce e, dopo tre giorni, risorge. Diviene così la ricorrenza della liberazione dalla morte, quindi della risurrezione. È il nucleo della fede cristiana. La Pasqua cristiana è la festa delle feste, e cristiano è colui che afferma: il Signore è veramente risorto.

Il cristianesimo non è, dunque, una dottrina. Esso nasce e si sviluppa da questa fondamentale proclamazione: Gesù Cristo crocifisso è veramente risorto. Il cristianesimo è l’annuncio di questo evento straordinario che rivela un’attesa costante e universale, scritta nel cuore di ogni uomo e di ogni donna.

La risurrezione di Gesù evoca la speranza di un destino umano aperto al futuro, indicandoci qualcosa di concreto che avviene qui e adesso nella indistruttibilità dei gesti che noi compiamo: gesti di pace, di amore, di perdono, di amicizia, di onestà, di libertà responsabile.

Quando noi ci dedichiamo agli altri, in quel momento stiamo attuando la Pasqua di risurrezione. In questo senso auguro a tutti noi, credenti e non credenti, una buona Pasqua. Auguro cioè a tutti noi di compiere atti positivi, socialmente rasserenanti; decisioni buone, eticamente rilevanti; scelte definitive, responsabilmente assunte. Interiorizziamo così l’eternità e appaghiamo il nostro desiderio di futuro.

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Alfonso Pascale - 16-04-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Un pack nuovo per le Monocultivar Olitalia

Un pack nuovo per le Monocultivar Olitalia

Notizie dalle aziende. Nuove etichette per una linea di punta: gli oli extra vergini di oliva ottenuti da singole cultivar.  Emerge un tratto più elegante e distintivo, che pone l’attenzione sulla qualità e sulla provenienza 100% italiana

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

In cosa consiste la scelta consapevole di un olio?

L’agronomo Gianandrea Ettorre, di Palazzo di Varignana, intervistato nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione, spiega i criteri di abbinamento di un olio in cucina, in base al profilo sensoriale degli oli

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo