Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Io mi separo da te

Quarant’anni fa le campagne furono decisive nel referendum sul divorzio. Tra lo stupore generale, al referendum prevalsero i “no”. Nessuno aveva riflettuto sul fatto che dieci anni prima proprio da un centro agricolo della Sicilia era giunto un primo segnale di mutamento

Alfonso Pascale

Io mi separo da te

Nel referendum abrogativo del divorzio promosso da alcune associazioni cattoliche – che si svolge il 12 e il 13 maggio 1974 – il voto delle campagne è deciso nella vittoria dei "no" e rivela ad un'opinione pubblica attonita la portata dei profondi cambiamenti socio-culturali che erano intervenuti nei vent’anni precedenti.

Da una parte sono schierati la Dc e l’Msi e dall’altra tutto il fronte divorzista laico e di sinistra. Sembra una battaglia difficile per i sostenitori della legge perché non si percepisce quanto estesa sia stata negli anni precedenti la trasformazione del paese, sul terreno del costume e delle convinzioni etiche e religiose.

Nel Pci sono forti le spinte a ricercare un accordo onorevole per evitare la consultazione referendaria. Non solo perché lo scontro frontale con la Dc appare in contraddizione con la strategia del “compromesso storico”, lanciata l’anno prima da Enrico Berlinguer. Ma soprattutto perché non si ha il polso sui reali orientamenti ideali presenti tra i ceti popolari, soprattutto nelle aree rurali e nel Mezzogiorno.Ad esempio, Sereni, in un articolo sul settimanale “Rinascita”, prospetta il pericolo derivante nelle campagne da un modo di sentire la religione in senso naturale, che porterebbe all’obbedienza superstiziosa piuttosto che al ragionamento.

Per motivi opposti, forti perplessità ad affrontare la prova referendaria nutrono anche i vescovi. Infatti, in un’inchiesta su “Coltivatori e religione” che mons. D’Ascenzi, assistente ecclesiastico della Coldiretti e professore di sociologia rurale, aveva effettuato tra il 1970 e il 1971, con l’ausilio di ottocento sacerdoti, erano emersi dati sorprendenti. L’indagine aveva rilevato che tra i coltivatori in età superiore ai 40 anni e tra quelli di 50, ma con titolo di studio, il divorzio si giustificava come “una scelta di libertà” e spiccava la tendenza “ad apprezzare non tanto la donna risparmiatrice, obbediente all’uomo nel timore di Dio, quanto invece la donna moderna, elegante, colta, capace soprattutto di affetto”.

La dirigenza dell’episcopato italiano, che conosceva i risultati di questa indagine, non riesce però a scoraggiare il segretario della Dc Fanfani e i settori più integralisti del mondo cattolico che impongono la prova di forza.

Tra lo stupore generale, al referendum prevalgono i “no”. Nessuno aveva riflettuto sul fatto che 10 anni prima proprio da un centro agricolo della Sicilia era giunto un primo segnale di mutamento. Una ragazza di Alcamo, Franca Viola, rapita contro il suo volere dal fidanzato, lo aveva denunciato, rifiutando il matrimonio riparatore e infrangendo così tradizionali consuetudini e subordinazioni.

Inoltre, il modello di famiglia che era subentrato a quello contadino-patriarcale era ormai simile a quello che aveva sostituito il modello borghese. Gli elementi comuni erano l’indebolimento dei legami di autorità e l’emancipazione delle donne e dei giovani. Al centro dell’universo erano posti i figli, a cui era affidato il compito di far ascendere la famiglia lungo la scala sociale. E le ragazze che provenivano dal mondo rurale erano influenzate da un ulteriore fenomeno che pochi vedevano. Le loro mamme dovevano aggiungere al lavoro dei campi e nelle stalle l’impegno di cura della famiglia, divenuta nel frattempo più esigente, ed affidavano alle figlie la propria emancipazione non realizzata. E ciò costituiva un’ulteriore motivazione forte del protagonismo di quelle giovani donne nei movimenti femministi degli anni Settanta.

Il voto sul divorzio è certamente un chiaro segnale di avanzamento civile e politico sulla strada della modernizzazione dei costumi. Ma sui caratteri profondi della modernità che si va affermando in Italia solleva per tempo dubbi precisi la peculiare sensibilità di Pier Paolo Pasolini. Egli aveva previsto l’esito del voto, attribuendolo alla mutazione antropologica avvenuta a seguito del boom economico: adesione diffusa all’”ideologia edonistica del consumo” e affermazione di una “conseguente tolleranza modernistica di tipo americano”.

Il risultato referendario avrebbe dovuto indurre ad aprire una riflessione ampia. Per analizzare cosa era accaduto nel paese, il Pci organizza presso l’Istituto di studi comunisti a Frattocchie un seminario sul tema: “Modificazioni sovrastrutturali e prospettive d’azione ideale e politica nelle campagne”.

Ma resta un episodio isolato nel mondo politico. Si preferisce non guardare cosa accade al di là delle fabbriche e delle città per non mettere in discussione convincimenti consolidati e analisi schematiche riguardo ai cambiamenti sociali.

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato e riprende un'opera esposta nell'estate 2013 a Villa La Brilla, opera di cui non è al momento possibile individuare l'autore.

Alfonso Pascale - 20-05-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo