19 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Le baruffe on line

Oggi i social network ripropongono i riti del litigio che si consumavano un tempo nelle comunità rurali. C’è, tuttavia, una differenza di fondo tra quei riti antichi e le burrasche odierne

Alfonso Pascale

Le baruffe on line

I social network ripropongono forme comunicative che hanno alcuni punti in comune con quelle tipiche delle società tradizionali, specialmente quando ossessioni e polarizzazioni estreme dei punti di vista, in mancanza di uno spirito laico e critico, portano inesorabilmente alla contrapposizione e al conflitto irriducibile tra i partecipanti. Nella rete, l’azione e la reattività, non mediate dalla riflessione e dall’indugio, diventano istintive e assumono spesso le sembianze di quelle che caratterizzavano la vita delle popolazioni quando l’esistenza era cadenzata dalla bizzarria del clima, dalla siccità e dalle tempeste, dai terremoti e dai dissesti idrogeologici. Dinanzi alla catastrofe tutto era possibile per uscirne o per alleviarne l’angoscia.

A uno smottamento distruttivo oppure a una frana si reagiva con la maledizione, l’imprecazione, la bestemmia. Si punivano le statue dei santi immergendole nei fiumi o in riva al mare, con una sardina in bocca. E dovevano stare in quella posizione fino a quando non finiva una siccità o una pestilenza. Si praticavano riti di flagellazione. E si offendevano e si additavano al pubblico ludibrio persone ritenute responsabili della calamità perché accusate di tradimento, di essere passate al nemico e di aver disonorato la comunità di appartenenza. Il tutto rimaneva appeso in una zona di confine tra scherzo e seriosità, tra ironia e paura che la maledizione, l’imprecazione, la gogna si rivelassero davvero efficaci.

I litigi on line rimandano alle baruffe che avvenivano quasi ogni giorno ai lavatoi o al forno per un turno non rispettato. Le donne coinvolte si alzavano le vesti e le sottane. Poi si sollevavano da terra come furie possedute, levavano le braccia al cielo e imprecavano. Girando le spalle, battevano sulle natiche con le mani che voleva dire “Ti tegnu allu culu”, come ricorda l’antropologo Vito Teti. Ingiuriavano, maledicevano, offendevano. E pochi minuti dopo, le persone che se le erano cantate in tutte le tonalità e che si erano lanciate le più terribili maledizioni, anche di morte, tornavano dalla fontana a casa assieme e sorridenti, miracolosamente riappacificate, come se a litigare e ad essere sul punto di strapparsi a vicenda i capelli fossero state altre persone.

C’è, tuttavia, una differenza di fondo tra quei riti antichi, che nascevano tra calamità e penurie, e le burrasche odierne tra persone comodamente sdraiate sui divani di casa o dietro scrivanie affollate di pratiche da sbrigare oppure tra automobilisti immersi nel traffico caotico delle città. Quelle ritualità e quegli anatemi erano fatti di gesti e linguaggi particolari, avevano un loro fascino, richiedevano abilità, accortezza, capacità di muovere assieme mani, anche, fianchi, busto, testa. Le persone che si trovavano a passare, si fermavano ad osservare divertite e al tempo stesso impaurite, senza intromettersi, per non farsi cogliere dalla maledizione. E stavano a guardare fino a quando le litiganti non si giravano furenti verso gli impiccioni. Solo allora sparivano, come comparse di una rappresentazione drammatica, senza girarsi indietro. Una teatralità coinvolgente ed emozionante, densa di umanità. Le scornate odierne sono, invece, tediose e fatte di frasi sconnesse e senza grazia. Una violenza gratuita che si sgretola nell’inconsistenza e nell’irrealtà. I riti antichi erano messi in opera da persone che lavoravano dalla mattina alla sera senza tregua, in campagna, in casa, dappertutto, e nelle occasioni del litigio si trasformavano. Gli alterchi contemporanei nella rete s’inseriscono in vite perennemente esposte, alla ribalta, vissute di corsa ed hanno in comune coi litigi del passato la repentinità del conflitto e il ritorno immediato alla normalità senza bisogno di scusarsi e senza conservare rancori.

Lungo i millenni le società tradizionali hanno sperimentato forme comunicative a cui hanno dato forma armoniosa. Forse i digitali nativi riusciranno a raggiungere quel livello di perfezione e bellezza in qualche decennio. Ma sarebbe un errore madornale confondere i litigi on line con l’hate speech: le espressioni d’odio correlate alla religione, alla razza e all’omofobia; le forme aggressive di stalking e cyberbullismo; l’adescamento di minori e la propaganda terroristica. Quando l’incitamento all’odio arriva a questi livelli, occorre intervenire con norme giuridiche. Se invece la discussione sui più disparati temi politici e sociali assume le forme del litigio anche offensivo, resta solo il rammarico di un dialogo infecondo. Esclusivamente un’educazione allo spirito laico e critico, all’interrogazione e al dubbio, potrà, nel tempo, allenarci al dovere e al rischio del dialogo fino in fondo. Per ora cerchiamo almeno di rendere aggraziata – come sapevano fare i nostri antenati – la girandola delle litigate furibonde e delle riappacificazioni repentine perché anche il rito della baruffa on line abbisogna di una sua bellezza.

 

La foto di apertura (un particolare dal Padiglione Spagna a Expo 2015) è di Luigi Caricato

Alfonso Pascale - 30-05-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

Edito da il Seme Bianco, è il terzo romanzo per l’autrice. Una prima presentazione di questo suo nuovo libro, si svolgerà giovedì 16 gennaio alle ore 18 presso la Feltrinelli Libri e Musica a Verona, in Via Quattro Spade 2. L’autrice dialogherà con la giornalista de L’Arena Laura Perina e inoltre ci sarà un reading realizzato da Isabella Caserta, direttrice artistica del Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio e attrice, in modo tale da rendere più appassionanti le parti più vivaci e toccanti del romanzo. Alla fine dell’incontro, si potranno degustare i vini biologici dell’azienda vitivinicola La Cappuccina.

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo