Mercoledì 20 Febbraio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > bellezza

L’olio della bellezza

Quello ricavato dalle olive, soprattutto se extra vergine, attrae moltissimo il mondo della cosmesi. Lo si nota citato in molte formulazioni cosmetiche. Buon segno. Massima attenzione, tuttavia, nel leggere l’etichetta. Conta moltissimo la percentuale in cui è realmente presente l’olio, non basta la sola citazione

Luigi Caricato

L’olio della bellezza

In forma di unguento e profumo, l’olio da olive è stato un punto di riferimento essenziale nell’antichità, elemento imprenscindibile per la buona cura del corpo. Non può essere pertanto relegato solo agli interni di una cucina. E’ anche olio del piacere e della gioia, fluido vivificante che fa bene al corpo e all’anima.

Il benessere che se ne ricava è ampiamente documentato da una vasta letteratura che si estende in un arco temporale piuttosto ampio. La ricetta di un antico unguento egiziano a base di olio di oliva, latte, bacche di cipresso e grani di incenso, è stata ripresa e riattualizzata di recente con successo.

Così, mentre gli altri oli impiegati in cosmesi esercitano solo una funzione emolliente, l’olio ricavato dall’oliva nutre nel contempo la pelle, preservandola dal fenomeno dell’invecchiamento determinato dalla nefasta e inevitabile azione dei radicali liberi.

Le sostanze antiossidanti, come pure molte altre molecole presenti nell’olio di oliva, svolgono una decisiva azione di contrasto nei confronti degli inestetismi a carico della cute. Ci sono in particolare i biofenoli oleuropeina e idrossitirosolo ad agire in modo significativo nell’inibizione dei processi ossidativi a carico della pelle.

Le cellule della cute sono costantemente aggredite da un insieme di agenti esterni, al punto da necessitare di un adeguato sistema di difesa allo scopo di fronteggiare gli inevitabili danni provocati dall’ambiente, soprattutto in un’epoca come l’attuale, in cui il tasso d’inquinamento è talmente elevato da costituire un serio e irrisolto problema.

E’ d’altra parte ormai provato come l’atto del lubrificare la pelle con l’olio da olive metta gli strati superficiali in condizioni di mettersi al riparo dagli assalti del tempo. L’olio, penetrando attraverso i pori e i follicoli, crea una salvifica patina di protezione, consentendo anche una funzione rassodante altrettanto significativa e benefica, anche a motivo di una tradizione araba tuttora praticata nel Maghreb, che prevede il massaggio del seno proprio per mantenerlo morbido e turgido.

Oggi l’olio di oliva, soprattutto se extra vergine, compare in molte formulazioni cosmetiche, ma, per una scelta consapevole, sarrebbe il caso di prestare la massima attenzione all’etichetta. Conta moltissimo la percentuale in cui è realmente presente l’olio, non basta la sola citazione. Più in alto compare, nella lista degli ingredienti, meglio è. Vuol dire che è presente in percentuale maggiore.

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Luigi Caricato - 16-12-2014 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Un vino dagli aromi floreali, di agrumi, sambuco, e molto minerale, che merita i soldi spesi. Acquistato al supermercato, è il frutto di uve Chardonnay e Ribolla. Adatto, peraltro, con pesce e carni bianche alla griglia > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Protagonista lo chef Eugenio Ghiraldi con un nuovo appuntamento de "I corsi pratici di cucina in Frantoio... per stupire con gusto". Conoscere, capire ed applicare i segreti della buona cucina imparando a scoprire i prodotti del territorio, tra stagionalità, semplicità e gusto.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Gli oli e i pesci della Basilicata

A Olio Officina Festival 2019 è stata protagonista di primo piano una regione piccola ma particolarmente ricca di risorse. L'occasione per presentare al pubblico di Milano le produzioni olearie e i prodotti ittici, in occasione di una pubblicazione dedicata dal titolo "I pesci nuotano nell'olio". L'intervista a Michele Brucoli, responsabile marketing e comunicazione presso il Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata

BIBLIOTECA OLEARIA
Dp Garda. L'olio e il suo lago

Dp Garda. L'olio e il suo lago

Il numero 7 dell’annuario Olio Officina Almanacco quest'anno si presenta con una veste completamente rinnovata. Stesso formato, stesso numero di pagine, 96, ma con un taglio monografico, interamente dedicato all'olio gardesano e al suo territorio. Inizia così la nuova serie della rivista, dando spazio e rilievo ogni anno a un territorio altamente vocato all'olivicoltura di qualità