Martedì 11 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > bellezza

L’olio di oliva in cosmetica

Non è un ingrediente facile. Tutti gli riconosco grandi pregi e lo apprezzano, ma subito hanno paura che renda una crema “unta”, per cui non si fidano fino alla prova di applicazione. Una donna non acquisterà mai un prodotto che la sua pelle non assorba con la “giusta” velocità. Lucio Carli ci ha rilasciato una preziosa intervista, a partire dalla sua esperienza, ormai più che ventennale, alla guida di Mediterranea Cosmetics. Dalle sue riflessioni si scopre che il settore è caratterizzato da un mercato innovativo e ipercompetitivo.

Luigi Caricato

L’olio di oliva in cosmetica

Lucio Carli è un nome molto noto nel campo dell'olio, avendo un cognome importante, che ha contribuito sensibilmente al successo e al progressivo affermarsi sul fronte internazionale, della storia olearia del nostro Paese. Oltre a far parte della celebre  famiglia Carli - un nome, una garanzia - è anche il presidente della scuola di assaggio dell'Onaoo, a Imperia. In realtà, il segno distintivo della sua personalità, è una laurea in Chimica e Tecnologia Alimentare. Con quel titolo di studio aveva tante opportunità di valorizzare le proprie conoscenze. Non ha voluto seguire la strada facile, ma quella meno battuta e più complessa e altamente competitiva, ed è riuscito nei risultati, egregiamente, attraverso quella che si può ritenere la sua "creatura": Mediterranea Cosmetics. Avete mai sentito parlare dell'importanza dell'olio da olive in cosmetica? Provate allora a leggere questa lunga e feconda intervista. C'è molto da scoprire e apprendere.

Mediterranea ha compiuto un percorso molto importante sul fronte della cosmesi applicata all’olio da olive. Ora, a distanza di vent'anni, si può considerare una sfida vinta?

Vincere una sfida nel settore cosmetico non è cosa facile, bisogna aver presente che non si è mai arrivati, la concorrenza è agguerrita, ci sono le grandi multinazionali con il loro portafoglio marche molto complesso e le nuove tendenze ormai arrivano da tutte le parti del mondo, Europa, USA, Brasile, Korea del Sud oggi all’avanguardia nella ricerca, Giappone….
Bisogna guardarsi intorno continuamente, possiamo dire che lo spirito di innovazione del settore cosmetico sia al pari, se non superiore, a quello del settore moda e abbigliamento.
Mediterranea Cosmetics è stata brava, nei primi venti anni della sua storia ha saputo creare una sua immagine, ha lavorato con grande passione ed è restata sempre in bilico tra l’origine “olio di oliva” e la necessità di affermarsi in un mercato innovativo e ipercompetitivo.
La storia, la tradizione e l’olio di oliva che hanno fatto grande la nostra azienda e che hanno anche visto nascere una linea di saponi già nel 1924 prodotti dalla nostra ISER (Industria Saponeria e Raffineria) ai tempi dei nostri nonni, oggi non sono più valori sufficienti, bisogna fare tanto di più, lavorare continuamente sulle materie prime, sugli attivi: bisogna regalare sempre un sogno di bellezza e benessere alle nostre consumatrici e non dimenticare il packaging e i sistemi di applicazione.
L’olio di oliva in cosmetica non è un ingrediente facile, tutti gli riconosco grandi pregi e lo apprezzano, ma subito hanno paura che renda una crema “unta” per cui non si fidano fino alla prova di applicazione; una donna non acquisterà mai un prodotto che la sua pelle non assorba con la “giusta” velocità.

Come è nata l’idea di puntare, come Fratelli Carli, in via esclusiva sulla cosmesi? L'aver creato una apposita linea significa che ci avete creduto tanto. Non è stata una impresa facile, immagino. Siete partiti da zero, da un sogno: creare formule cosmetiche originali, che piacciano soprattutto a chi le utilizza, ma l'ingresso in un mercato già spartito dai grandi colossi del settore ha comportato necessariamente la certezza di avere una idea vincente. Qual è stata?

Quando ho iniziato a sviluppare l’idea cosmetica avevo quattro fattori chiave su cui lavorare: la mia laurea in Chimica e Tecnologia Alimentare, una straordinaria cosmetologa, Duilia Baggi, l’Ing. Giovanni Pertusio, caro amico di mio padre, da poco uscito dal ruolo di alto dirigente del gruppo L’Oreal, e una meravigliosa clientela, quella costruita in cento anni di lavoro da Olio Carli.
Dalla miscela di questi quattro elementi sono nati i primi otto prodotti, che abbiamo fatto arrivare nelle case dei nostri clienti del settore alimentare. Abbiamo lavorato su un’attenta gestione del marketing diretto da sempre nel DNA della Fratelli Carli.
L’olio di oliva era il protagonista di quelle prime formule: un ingrediente speciale perché può essere base, conservante e apportatore di principi attivi all’interno di una stessa formula cosmetica.
Oltre alla possibilità di ungere l’olio di oliva in cosmetica ha un altro grande problema: se non viene ben selezionato e preparato può ossidarsi e “puzzare”, occludere i pori della pelle e separarsi nel tempo!
Sin dall’inizio abbiamo puntato sul brand Mediterranea per dare un nuovo sogno alla nostra cliente. Un sogno che doveva essere diverso da quello che si fa in cucina con prodotti a marchio Fratelli Carli.
Per me giovane chimico e fresco di PMO in Bocconi è stata subito una passione: continuare nel segno lasciato dai nostri nonni e dai loro insegnamenti, ma con una forte attenzione all’innovazione e soprattutto a realizzare cosmetici funzionali dalla straordinaria efficacia. L’obiettivo era risolvere il problema dell’invecchiamento del viso e del corpo delle nostre donne e qui l’effetto placebo ha il suo importante effetto, non potevamo sbagliare.
Da ultimi arrivati abbiamo subito capito che dovevamo essere veloci, innovativi e pronti ad ascoltare Ie nostre principali alleate: le nostre clienti.
Oltre alle donne di famiglia ho trovato subito tanti amici che mi hanno aiutato Elena Janeke, Diego dalla Palma, Mario de Luigi, Paola Novaro, Luca Mannucci, Fabio Franchina, Madame Romani, il preparatissimo team di Cosmetica Italia…
In poco tempo è nato uno bellissimo gruppo di persone capitanato dal mio braccio destro la straordinaria dottoressa Patriza Perrone, laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutica; con lei abbiamo creato giorno dopo giorno quello che allora era un sogno e oggi è Mediterranea Cosmetics: il Laboratorio della Bellezza affacciato sul Mar Mediterraneo da sempre fonte ispiratrice di tanta passione.
Dai nostri Laboratori ogni anno escono più di trenta nuovi prodotti, che richiedono lunghi mesi di studio e di test.
Da quel primo catalogo di marzo 1997, oggi, siedo come consigliere di amministrazione in Cosmetica Italia, (Confidustria del settore Cosmetico che fa capo a Ferderchimica) e per me, ultimo arrivato dal settore alimentare, è motivo di grande orgoglio.

In che direzione va il mercato della vostra linea cosmetica? C’è solo il mercato interno o le vostre proposte sono accolte anche all’estero? La vendita, come per l’olio, avviene prevalentemente per corrispondenza?

La nostra oggi è una sfida internazionale che piano piano anno dopo anno sta prendendo piede.
La Digital Economy ci sta aiutando e la multicanalità che oggi è il nuovo DNA della Fratelli Carli, sia sul lato alimentare sia su quello cosmetico, stanno offrendo nuove opportunità di vendita. Siamo stati i primi in Italia a ricevere un ordine on-line nell’ottobre del 1996 e su questo abbiamo costruito una cultura interna, ieri su internet e oggi su tutto il mondo digitale. Ci abbiamo creduto da subito e quella intuizione di allora oggi ci sta premiando!
Il sito www.mediterranea.it a marzo 2007 ha compiuto 20 anni come la marca Mediterranea Cosmetics. Certo l’Italia non è un mercato facile in questi ultimi anni, ma la difficile esperienza fatta nel nostro paese la stiamo esportando in Europa e nel mondo con maggiore successo.
In questi anni abbiamo anche aperto gli Empori Carli per continuare ad alimentare quella forte relazione che da sempre ci lega alla nostra clientela e dare così la possibilità di testare l’alta qualità di tutti i nostri prodotti alimentari e cosmetici.

Perché prima del vostro avvento sulla scena la cosmesi all’olio di oliva non aveva un così grosso seguito come lo ha invece guadagnato in seguito, nel corso degli ultimi anni? Sono mancati forse studi e ricerche approfondite sul tema?

L’ingrediente olio di oliva in cosmetica è utilizzato dall’uomo da più di 6000 anni, ne dà bene testimonianza il nostro Museo dell’Olivo, anzi, nel passato, aveva maggiore utilizzo in cosmetica, per preparare oli profumati o preziosi unguenti per il corpo, che come alimento.
Mediterranea nei suoi laboratori ha saputo riattualizzare queste antiche ricette producendo formule molto efficaci nel risolvere i problemi della pelle.
Abbiamo lavorato sull’alta tecnologia cosmetica creando prodotti molto innovativi, antiaging dall’efficacia certificata, una linea Make Up che è colore e trattamento allo stesso tempo, una linea termale che unisce il nostro Olio Carli con la straordinaria acqua termale di Lurisia delle nostre Alpi Marittime. Fino al progetto Opera 20, lanciato per il ventesimo compleanno di Mediterranea, che unisce olio di oliva, estratti di peonia bianca e di giglio di mare in una crema e in un siero e acido ialuronico di ultima generazione ed estratti di alga marina in una cipria che sanno donare alla pelle del viso una luce e un’azione di ringiovanimento di cui non si può più fare a meno.

Rispetto alle conoscenze di un tempo, cosa c'è di nuovo in materia? Passi avanti se ne sono compiuti, anche per l'importante contributo reso da Mediterranea. Un tempo si preferivano oli sintetici, perché di più facile emulsionabilità; ora invece vanno di moda materie prime cosiddette naturali… È solo una moda?

Fare cosmetici vuol dire essere sempre in uno straordinario equilibrio tra scienza e natura. La natura è meravigliosa, ma da sola non basta, la scienza ogni tanto può spaventare e deve essere ben calibrata.
Prima di tutto alla base di ogni nostra ricetta c’è la voglia di trovare soluzioni alle tante esigenze cosmetiche del corpo di donne e uomini. Dalle formule antiaging, a quelle di detersione, dagli anticellulite alle creme lenitive, dai piedi ai capelli c’è ancora tanto da studiare. Siamo sempre in evoluzione.
Non c’è una sola cosmetica ci sono infinite storie cosmetiche basti pensare ai principali canali di vendita a disposizione della consumatrice la profumeria, la farmacia, l’erboristeria. Noi oggi offriamo tutte queste facce in un mondo unico sul nostro catalogo o direttamente sul nostro sito internet www.mediterranea.it .

Sul mercato l'attenzione verso i cosmetici all’olio di oliva è ormai conclamata, ma perché lo stesso non vale per un altro ingrediente, altrettanto pregiato, qual è per esempio la foglia d’olivo, altrettanto ricco di antiossidanti?

Nella nostra liea O-Live abbiamo utilizzato tutto quello che si poteva dell’olivo dalle foglie ai suoi liquidi staminali e quindi nelle creme la base, gli emulsionanti, gli attivi e i conservanti arrivano tutti dall’olivo e sono certificati organici/biologici da Natrue il più importante ente a livello mondiale di certificazione biologica in cosmetica.
Nel tempo abbiamo imparato ad estrarre i tanti componenti dell’insaponificabile da oliva per ricette speciali, Terrazze di Liguria è l’espressione cosmetica più bella del nostro territorio con Olio DOP Riviera Ligure-Riviera dei Fiori, Lavanda, Boragine, Calendula, Iperico e Camomilla del nostro Ponente Ligure per quattro prodotti di rapido assorbimento, ma dal grande effetto antietà e lenitivo.
La più bella sfida il nostro team l’ha vinta alcuni anni fa con il progetto Lenhydral realizzato con il Team del Professor Stella del CTO di Torino. Lenhydral è una fantastica formula basata sull’olio di oliva che va ad alleviare i grandissimi problemi della pelle, se così si può ancora chiamare, di soggetti che hanno subito gravissime ustioni e devono trovare un prodotto facilmente spalmabile, attivo e lenitivo e poi che si possa rimuovere senza creare irritazioni.
Progetti come questi si possono realizzare solo quando hai un team di persone di altissima competenza cosmetica.
Il mio grazie personale va a tutti coloro che alla Fratelli Carli hanno creduto e lavorato con me a sviluppare questo straordinario progetto e al team Mediterranea che giorno dopo giorno continua su questa difficile strada, per garantire il successo ad una grande intuizione cosmetica nata più di venti anni fa.

 

 

La foto di apertura è tratta da Kosmetica News

Luigi Caricato - 09-01-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti