Giovedì 24 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > eventi

Io sono un ulivo

Una tavola rotonda a Lecce il prossimo 29 giugno. Parole chiave: olio, ulivi, energia, eredità culturale, patrimonio diffuso, risorsa, sviluppo sostenibile, paesaggio umanizzato, paesaggio culturale. Una iniziativa del Club Lions Puglia dei patrimoni e dei cittadini, di cui è presidente Aldo Siciliano già professore ordinario di numismatica all'Università di Lecce e oggi alla guida dell'Isamg, l’Istituto per la Storia e l'Archeologia della Magna Grecia

OO M

Io sono un ulivo

Si parte a fine giugno con questa iniziativa, a nome “Io sono un Ulivo”, per dare il via al neonato club Lions pugliese. Questa associazione di servizio è vocata, in particolare, alla rinascita dei luoghi a partire dal patrimonio culturale materiale e immateriale che li caratterizza e li rende unici. L’idea è di accompagnare la crescita dei luoghi e degli abitanti, con cui i luoghi si scambiano continuamente la propria impronta, a partire dalla cultura che li caratterizza.

Presidente del club Lions Puglia dei patrimoni e dei cittadini è il professor Aldo Siciliano già ordinario di numismatica all'Università di Lecce e oggi alla guida dell'Isamg, l’Istituto per la Storia e l'Archeologia della Magna Grecia. 

L’incontro si sviluppa contemporaneamente rispetto a due direttrici: la prima, attraverso una tavola rotonda con degustazione finale di oli da olive; la seconda, attraverso un laboratorio didattico per venti bambini dai 4 ai 10 anni, di cui è madrina Antonella Agnoli, assessore alla cultura del Comune di Lecce, nonché consigliere al Consiglio Superiore dei Beni Culturali del Ministero per i Beni Culturali.

A introdurre e moderare la tavola rotonda è Luigi Caricato, giornalista, direttore di Olio Officina, nonché oleologo e scrittore.

Intervengono, tra i relatori, Paolo de Castro, Primo Vice Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale presso il Parlamento Europeo, nonché professore ordinario di Economia e Politica Agraria all’Università di Bologna, con il tema “Europa e politiche agricole”.

Quindi Maria Piccarreta, Soprintendente all’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi, Lecce e Taranto, architetto, con il tema “Il paesaggio umanizzato”. 

Fabio Pollice, direttore del dipartimento di Storia, Società, Studi sull’Uomo e professore ordinario di Geografia economico-politica all’Università del Salento, che svilupperà il tema“I paesaggi della dieta mediterranea”. 

Luciana Dini, professore ordinario di Anatomia Comparata e Citologia presso l’Università del Salento, con il tema “Olio come cosmetico e medicina”.

Antonio Monte, architetto, ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali IBAM–CNR, con il tema “Le miniere dell’olio liquido: archeologia industriale nel Salento”.

E infine Girolamo Fiorentino, professore associato di paleobotanica, con il tema “Paleoambiente e archeologia del mondo antico”.

Inoltre, per dar spazio anche ai più piccoli, è previsto un laboratorio dedicato ai bambini, allo scopo di avvicinare anche le nuove generazioni al gusto della propria terra, per riscoprire l’essenziale invisibile agli occhi che si vede solo con il cuore, come dice il piccolo principe di Saint Exupery. I bambini saranno protagonisti con il Gioco dell’olio, con la supervisione dell’oleologo Francesco Caricato, direttore della Casa dell’Olivo, che, insieme con due educatrici, rappresenteranno, in maniera ludica e per immagini, questa esperienza diretta con la cultura dell’olio che si è stratificata nei secoli in Puglia e nel mondo.

Il laboratorio destinato ai bambini rappresenta la prima tappa del service annuale del club, e verrà documentato in una mostra insieme a tutti i percorsi culturali che si svolgono nel corso dell’anno sociale, progettati rispetto a un filo conduttore unitario, anche per lasciare traccia di ogni incontro svolto.

 

 In apertura, polittico "Io sono un albero, di Pio Tarantini

OO M - 05-06-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
È Claudio Sadler il Premio Laudemio 2019

È Claudio Sadler il Premio Laudemio 2019

Lo chef patron del Ristorante Sadler di Milano è stato il vincitore della seconda edizione con la vincente proposta del Pancotto al Laudemio e rosmarino, tuorlo d’uovo cotto nel ghiaccio, croccante di cereali e tartufo nero

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti