Martedì 15 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > eventi

L'olio alimenta l'eros

E’ il tema filo conduttore della quarta edizione di Olio Officina Food Festival 2015, in programma dal 22 al 24 gennaio a Milano. Presto alcune anticipazioni, per intanto il piacere di comunicare la notizia e raccontarvela in anteprima assoluta. L'olio? Per certi versi salva il nostro residuo di animalità e nutre il desiderio

Luigi Caricato

L'olio alimenta l'eros

Le date erano già state comunicate: 22, 23 e 24 gennaio 2015. Il luogo: la città di Milano, nel vivo del centro urbano, ma nell’ambito di una location riconducibile a un palazzo storico quale quello delle Stelline.

L’annuncio del tema lo abbiamo dato a voce, nel corso della presentazione di Osa, Olio Spazio Aerto a Milano, dove ha casa la sede operativa delle Donne dell’Olio. Con me c’era il vignettista e illustratore Valerio Marini. Con lui avevamo già affrontato il tema olio ed eros, durante la seconda edizione, nel gennaio 2013. Per darvi una continuità tematica, vi facciamo scorrere alcune divertenti vignette di quella edizione.

Olio ed Eos, le vignette di Marini presentate in una precedente edizione di OOFF

 

Perché l’olio alimenta l’eros? Lo scoprirete volta per volta, con tante anticipazioni, settimana dopo settimana. Siamo già proiettati nella quarta edizione di Olio Officina Food Festival e ci piace con voi i preparativi.

L'olio, che sul piano strettamente gastronomico si rivela un ottimo veicolatore di sapori (i sapori di un alimento – voi lo sapete – vengono amplificati ed espressi in maniera più evidente quando si impiega l'olio, ma non soltanto l'olio da olive, qualsiasi grasso è in verità un veicolatore di sapori, l’olio da olive all’ennesima potenza), e così, allo stesso modo, l'olio veicola anche il piacere, e in molti sensi.

Veicola il piacere sul piano alimentare, anche in quanto simbolo di un elemento che congiunge e amalgama.
Veicola il piacere anche sul piano più strettamente epidermico, quando utilizzato per nutrire la pelle, per esempio: spalmato sul corpo. L'olio permette alla nostra pelle di far passare gli umori, e i segnali, trasmessi dalla sostanze feroromoniche, consentendo così l’attrazione sessuale tra persone.

E’ da quando i profumi (all’incirca dal 1700) non sono più ottenuti su base oleosa, che i ferormoni sono - come dire? – in qualche modo come trattenuti, allorché si forma una pellicola sulla pelle, che appunto “trattiene” i ferorormoni. Un tempo invece, mentre si utilizzavano profumi a base oleosa, tale occlusione dei pori della pelle non avviene in maniera così significativa. Ecco dunque che un tempo con profumazioni a base oleosa si percepivano meglio e più liberamente i segnali dei ferormoni, e ciascun individuo reagiva di conseguenza.

L'olio, per certi versi, salva il nostro residuo di animalità, quella che garantisce l’autoconservazione della specie. Insomma, queste solo alcune dritte. L’olio alimenta l’eros, ma non trascuriamo nemmeno altre materie prime. L’elemento cibo non è affatto da trascurare sul fronte dell’eros.

Ricordate, dunque: Milano, Palazzo delle Stelline, 22, 23 e 24 gennaio 2015, in corso Magenta 61. Presto le informazioni che attendete sul sito del festival, ovvero QUI.

Luigi Caricato - 24-06-2014 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo