Venerdì 16 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

È Simone Loguercio il miglior sommelier d’Italia

Il Premio Trento Doc è stato assegnato a Merano in occasione del 52° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana Sommelier. Un podio tutto toscano.“La finale del premio – ha dichiarato Antonello Maietta, presidente nazionale Ais – ha dimostrato il livello qualitativo della nostra scuola di formazione e la condivisione dei valori di un territorio di grande pregio come quello del Trento Doc”

OO M

È Simone Loguercio il miglior sommelier d’Italia

È Simone Loguercio il vincitore dell’edizione 2018 del concorso “Miglior Sommelier d’Italia Premio Trentodoc”. Quest’anno già campione della Toscana, il sommelier della Delegazione di Firenze ha battuto il pistoiese Valentino Tesi. Al terzo posto ex aequo il livornese Massimo Tortora e il lucchese Simone Vergamini, per una sfida tutta regionale.

“La finale del premio – ha dichiarato Antonello Maietta, presidente nazionale dell’Associazione Italiana Sommelier – ha dimostrato il livello qualitativo della scuola di formazione messa in campo da AIS e la condivisione dei valori di un territorio di grande pregio come quello del Trento Doc”.

“La collaborazione dell’Istituto Trentodoc con AIS – secondo Enrico Zanoni, Presidente dell’Istituto Trento Doc – prosegue proficuamente da alcuni anni, così come la partnership del premio Miglior Sommelier d’Italia, che coniuga l’eccellenza della professionalità e competenza dei soci AIS con la costante crescita qualitativa e di reputazione della produzione dei nostri associati”.

Una giornata ricca di emozioni, inaugurata al mattino dalle parole soddisfatte di Antonello Maietta, che ha aperto i lavori dell’assemblea dei soci comunicando, con orgoglio, la crescente partecipazione, con oltre 40.000 iscritti. Uno sviluppo che l’Associazione intende premiare con una serie di novità in ambito didattico, come l’introduzione di corsi di degustazione sull’olio, e un nuovo percorso formativo per i degustatori. Garantire ai propri associati una preparazione sempre più competitiva è, infatti, uno dei principali obiettivi, a beneficio dei professionisti del domani. 

L’assemblea è stata anche l’occasione per celebrare la sesta edizione del Premio Surgiva, ideato dal Gruppo Lunelli e consegnato quest’anno da Franco Lunelli, socio AIS da quasi mezzo secolo. Tra le delegazioni di Trieste, Murgia e Pistoia ha vinto la solidarietà della città toscana, premiata dalla giuria per la sensibilità dimostrata tramite la realizzazione di una vendita benefica di vino, finalizzata all’acquisto di attrezzature per la terapia mininvasiva dei tumori e in sostegno del reparto di nefrologia dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. 

La storica Kurhaus di Merano ha rappresentato anche lo scenario ideale per accogliere tre nuovi sommelier onorari, insigniti del titolo per il contributo dato negli anni alla promozione dell’agroalimentare: Luigi Caricato, oleologo, direttore di Olio Officina; Alessandro Regoli, direttore di Winenews; e Carlo Romito, chef e presidente di Solidus. 

Tre sono anche i vincitori delle borse di studio offerte dalla distilleria Bonaventura Maschio nell’ambito del Master di specializzazione sulle acquaviti d’uva dal titolo “La Ricerca dell’Eccellenza”: Savino Giannini del Catering El Fogón di Barletta (BT), Luisa Tolomei del Ristorante Buca di Balbadò di Bagni di Lucca (LU) e Benedetta Sempio della Vineria Il Vinaccio di Milano. Un appuntamento che si rinnova ormai da anni, a beneficio dei nuovi sommelier, con l’auspicio di ritrovarli tra un anno sul palco di Verona, sede del prossimo Congresso Nazionale.

 

 Le foto sono di Luca Mistergusto Managlia

 

OO M - 03-11-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti