Mercoledì 25 Aprile 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Il Premio Laudemio alla sua seconda edizione

Ovvero, quando la quintessenza della Toscana olearia incontra l’alta cucina. Dopo il successo della prima edizione, vinta da Salvatore Bianco, chef del ristorante Il Comandante di Napoli, si ritorna nelle cucine più prestigiose d’Italia con l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’olio extra vergine di oliva

OO M

Il Premio Laudemio alla sua seconda edizione

Per diffondere la conoscenza di un prodotto così unico e pregiato, Diana Frescobaldi, presidente del Consorzio LAUDEMIO®, ha voluto istituire un concorso rivolto agli Chef, senza dubbio i migliori ambasciatori della cultura agroalimentare di qualità, che li coinvolgesse in una sfida: interpretare con piatti inediti le caratteristiche e le peculiarità che fanno del LAUDEMIO® un fuoriclasse dell’arte olearia.

La finalità del Premio è duplice: da un lato veicolare l’olio extra vergine d’oliva LAUDEMIO® nell’alta ristorazione, dall’altro, proprio attraverso il contributo e la creatività degli Chef, far sì che sempre più persone possano conoscerlo e apprezzarlo, diffondendo la cultura del consumo consapevole basato sulla qualità e non sulla quantità.

“È un progetto molto importante – spiega Diana Frescobaldi – che nasce dalla volontà di trasmettere agli Chef i nostri valori per spiegare loro non solo la qualità del LAUDEMIO®, ma soprattutto COME noi arriviamo a questa qualità, quali sono le scelte che facciamo, dalla campagna all’imbottigliamento, sino alla conservazione. Per questo motivo quest’anno, nella valutazione dei piatti proposti dagli otto chef che abbiamo selezionato e coinvolto, daremo molta importante all’interpretazione del LAUDEMIO® e alla valorizzazione delle sue caratteristiche nel contesto del piatto.”

Il Concorso, presieduto da Fausto Arrighi, ex Direttore della Guida Michelin, prevede infatti otto “tappe” in altrettanti e prestigiosi ristoranti italiani di sei città (a Milano e a Roma si svolgeranno due tappe).

Il viaggio nell’alta ristorazione italiana sta attraversando l’Italia. La partenza di questa seconda edizione è avvenuta a Milano, lo scorso 28 Febbraio, presso il Ristorante Sadler, guidato dallo Chef Claudio Sadler; quindi il 14 marzo è stata fatta una doverosa tappa in Toscana, terra natale del LAUDEMIO®, presso il Ristorante La Bottega del Buon Caffè, a Firenze, dallo Chef Antonello Sardi; è stata poi la volta di Roma, il 15 marzo, con lo chef Adriano Baldassarre, del Ristorante Tordomatto. L’11 aprile il ritorno a Milano con lo Chef Luigi Taglienti, del Ristorante Lume, mentre la quinta tappa è per il 9 maggio, in provincia di Verona al Ristorante Degusto di San Bonifacio, guidato dallo Chef Matteo Grandi.

Per la sesta tappa il LAUDEMIO® approderà a Torino il 23 maggio, al Ristorante Carignano dello Chef Fabrizio Tesse. La penultima tappa si svolgerà il 15 giugno nella Serenissima al Ristorante Glam dello Chef Enrico Bartolini che a Donato Ascani ha affidato il ruolo di Chef Resident. Infine, il tour del LAUDEMIO® si concluderà il 20 giugno a Roma al Ristorante Mater Terrae guidato dallo Chef Ettore Moliteo con la supervisione dello Chef Pietro Leemann.

Ogni Chef è chiamato a interpretare il LAUDEMIO® attraverso un menu di quattro portate: antipasto, primo piatto, secondo piatto e dessert.
In alcuni casi, a discrezione dello chef, le cene potranno essere rivolte anche al pubblico che potrà così partecipare a una serata particolare dedicata a questa eccellenza olearia.
In ogni tappa sarà presente una giuria tecnica che avrà come responsabili Diana Frescobaldi e Fausto Arrighi.

Al termine delle otto tappe, verranno individuati tre chef finalisti con i tre piatti (antipasto, primo piatto e secondo piatto) che avranno totalizzato il miglior punteggio: i tre finalisti verranno chiamati a preparare le rispettive creazioni in occasione di una cena di gala (a Milano il prossimo autunno) che vedrà la Giuria eleggere il vincitore assoluto della seconda edizione del Premio LAUDEMIO®.
Un premio speciale verrà assegnato allo Chef che – fra gli otto in gara – avrà proposto il Miglior Dessert al LAUDEMIO®.

 

OO M - 11-04-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Sante Ambrosi
L'INCURSIONE

SANTE AMBROSI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Come si fa a ottenere un grande olio

Nostra intervista al produttore ligure di Albenga Agostino Sommariva, in occasione della settima edizione di Olio Officina Festival. La qualità si fa ovunque, il territorio la caratterizza

BIBLIOTECA OLEARIA
Una biblioteca olearia per ogni azienda

Una biblioteca olearia per ogni azienda

Cosa hanno gli olivicoltori, i frantoiani, i confezionatori d'olio nelle proprie aziende? Sono forniti di libri e riviste sui temi che concernono il proprio lavoro?