Lunedì 14 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > extra moenia

Una sfilata etica, con abiti naturali

Paesaggi da indossare a Roma, a cura dell’associazione al femminile Donne in Campo di Cia-Agricoltori Italiani. Una iniziativa insolita e originale, dove viene dato risalto a una visione della moda più sostenibile, attraverso il ricorso a capi di abbigliamento realizzati in tessuti bio, tinti con ortaggi, frutta, radici, bacche, foglie e fiori

OO M

Una sfilata etica, con abiti naturali

Abiti da sera e capi prêt-à-porter realizzati in tessuti bio e tinti con ortaggi, frutta, radici, bacche, foglie e fiori. È la moda 100% naturale, come nella collezione dell’eco-stilista Eleonora Riccio, al centro dell’evento di Donne in Campo, l’associazione al femminile di Cia-Agricoltori Italiani, che si terrà a Roma il 24 settembre, alle ore 10:30, presso la terrazza dell’Auditorium Giuseppe Avolio.

La sfilata etica sarà il momento clou dell’iniziativa “Agritessuti: Paesaggi da indossare - Le Donne in Campo coltivano la moda”, una giornata dedicata al connubio tra agricoltura e abbigliamento sostenibile. 

L’obiettivo è creare una filiera italiana del tessile completamente ecofriendly, con tessuti da fibre vegetali e animali e tinture green realizzate con prodotti e scarti agricoli. Lo chiedono prima di tutto i consumatori: la domanda di capi sostenibili in Italia è cresciuta del 78% negli ultimi due anni.

Ad aprire i lavori, mercoledì 24, sarà la presidente nazionale di Donne in Campo Pina Terenzi. Seguirà l’intervento di Paola Ungaro, stilista e docente di tipologia dei materiali tessili, su “Filiera tessile: Quadro globale e potenzialità di sviluppo”. A seguire le testimonianze di due imprenditrici agricole impegnate nel settore: Luisa Bezzi parlerà di “Canapa per il luxury made in Italy” e Francesca Cosentino racconterà la sua esperienza “Dal Gelso alla Seta”. Spazio poi alla ricercatrice del Crea Silvia Cappellozza sui “Tentativi per il riavvio di una filiera della seta: il laboratorio veneto”. Dopo le conclusioni del presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino, l’evento si chiuderà alle ore 13 con la sfilata di moda etica.

Modererà l’iniziativa Fabiana Giacomotti, giornalista e storica della moda dell’Università “La Sapienza” di Roma.  

 

 

Si ringrazia per la notizia Cia - Agricoltori Italiani  

OO M - 17-09-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo