Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

L'imperdibile monovarietale Grignano di Salvagno

Nell'entroterra veneto, a Verona, nelle campagne di Nesente Valpantena, la storica famiglia di oleari ha come fiore all'occhiello un extra vergine di cui vi sono poche bottiglie in circolazione, giacché si tratta di una varietà di olive circoscritta a un territorio limitato. Si tratta di una esperienzasensoriale unica, da sperimentare

Luigi Caricato

L'imperdibile monovarietale Grignano di Salvagno

Quando era il tempo in cui non si conosceva nulla dell'olio ricavato dalle olive, tutti gli oli erano considerati uguali. Non c'era alcuna differenza. Almeno, non si distingueva nessun elemento distintivo. Il consumatore non informato e ignaro non era ancora al corrente del grande rilancio degli oli.

Tanto tempo è trascorso da quando Poi, con lo scorrere degli anni, dopo tanta dedizione nel trovare i modo di comunicare l bontà dell'olio, pian piano i consumatori hanno accolto l'invito dei produttori a degustare con attenzione gli oli, ad annusarli, poi addirittura a introdurli in bocca, ma on insieme al cibo, ma da soli, e con grande sorpresa del consumatore ignaro perfino nel bicchiere, degustato in purezza, da solo. L'olio monade, apprezzato al di là del cibo. E così pian piano si affacciano quegli oli insoliti, i più insuale. pente per esempio agli oli tratti dalla molitura della cultivar Grignano. Chi l'avrebbe detto che oggi possiamo apprezzarli tal quali, per quello che sono, in purezza. Grignano puro.

La cultivar Grignano, altrimenti conosciuta con il nome di Grignan, è riconducile alla varietà Gargnà, e ha una produzione buona e costante, albero di bassa vigorìa, con portamento semipendulo e chioma raccolta e rada, dall'oliva grande e di forma ovoidale, dalle resa estrattiva in olio non particolarmente elevata, ma, particolare importante, con un elevato contenuto in acido oleico.

 

IL SAGGIO ASSAGGIO

Giallo oro e limpido, dalle sfumature verdoline, ha profumi medio leggeri vegetali, con richiami netti all'oliva, con sentori vegetali e di erbe officinali. Al gusto è delicato e morbido, con note di carciofo ed erbe di campo. L’amaro e il piccante sono contenuti e in buon equilibrio. Al palato è di ottima fluidità e armonia. In chiusura una lieve punta di piccante e la mandorla.

L'azienda di Giovanni Salvagno reca la dicitura di "Frantoio per olive", ed è ubicata a Nesente Valpantena, nel cuore verde di Verona, in Veneto.

Ho scritto della scoperta di oli poco conosciuti, qual è il Grignano, proprio perché limitati a un territorio circoscritto. Questi oli sono infatti da scoprire in quanto vanno individuate le peculiarità sensoriali, ma posso anche garantirvi che in abbinamento al cibo, sono davvero imperdibili. Provare per credere. 

Io ho avuto modo di provarlo con le seguenti proposte:

 – Foglia di roast beef con salsa verde

– Formaggio stagionato Malga con crema di pomodori

– Polentina calda con la “soppressa del Gianni” e le sue olive snocciolate

– Bruschettina con polpa di olive nere e ricotta profumata alla maggiorana

Nel frattempo, a Verona, nell'ambito del Vinitaly 2017, nell'area C, si avrà l'occasione di apprezzare tutte le referenze dei Salvagno, anche i blend e l'olio da agricoltura biologica.

 

Luigi Caricato - 04-04-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria