Lunedì 25 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > saggi assaggi

Opera versione Intenso, la Coratina targata Radici di Puglia

Il marchio, proprietà della famiglia Agresti, di Andria, è una realtà che opera sin dagli anni Trenta nella regione olivicola più vocata del Paese. Gli oliveti sono collocati in un’areale tra i più celebri e prestigiosi.  L'olio? Buona fluidità, equilibrio, giusta sapidità e carattere, l'amaro e il piccante ben dosati

Maria Carla Squeo

Opera versione Intenso, la Coratina targata Radici di Puglia

L’azienda Agrolio, degli Agresti, crede de moltissimo nella sua cultivar di riferimento, la Coratina, il cui cavallo di battaglia è l’alto contenuto in biofenoli, una potenza antiossidante che rende l'olio un alimento salutistico di grande efficacia. Un altro punto di forza è la visione moderna dell'azienda, con la sua apertura al marketing e al design.

Produrre un olio buono non è più sufficiente, e puntare su una qualità elevata, non più fermandosi a quella ordinaria, è senza dubbio la strada giusta. L'idea inoltre di vestire anche bene questa qualità, è l'ulteriore cavallo di battaglia che contraddistingue gli Agresti. 

 Passiamo all'olio. Quello che recensiamo si chiama Opera, ed è la versione Intenso, nell'orcio dorato in terracotta, una edizione molto curata, da collezione, con un extra vergine da agricoltura biologica.

L'orcio in questione, da 500 ml, è in vendita al prezzo indicativo di 24,90 euro.

Cosa si scorge all'assaggio. Al naso si colgono si colgono i profumi fruttati e freschi, di oliva, che rimandano al frutto appena franto, in fase di invaiatura, con sentori puliti, intensi, dove si percepiscono nette delle sensazioni che richiamano l'erba verde e i sentori vegetali di carciofo. In bocca invece ha buona fluidità, equilibrio, la giusta sapidità, con l'amaro e il piccante ben dosati. Vi è il ritorno del vegetale, con rimandi a una pluralità di ortaggi, con il carciofo più in evidenza. In chiusura la mandola verde e una lieve punta piccante. Il colore, invece, è giallo oro dai riflessi verdolini, limpido. 

È sufficiente provarlo con i latticini, per rendersi conto della grande potenza gustativa di quest'olio, ma va benissimo con carni bianche ai ferri, con creme di verdure e con piatti a base di legumi.

 

L’AZIENDA

Radici di Puglia – Agrolio, Andria (Bat), info@radicidipuglia.com

Maria Carla Squeo - 14-04-2020 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
DIXIT
RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

L’organizzazione tedesca Stiftung Warentest, nota per la propria indipendenza e imparzialità, ha reso noto, attraverso le pagine della sua rivista Test, i risultati di una serie di analisi effettuate su ben 19 aceti balsamici di Modena. A guadagnare il più alto gradino sul podio è stato l’Igp “5 Grappoli invecchiato” dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Il sottocosto dell’olio extra vergine di oliva

È un approccio commerciale decisamente sbagliato, perché non attribuisce il reale valore a un olio che vanta invece grandi meriti nutrizionali, salutistici e perfino edonistici. Ne abbiamo parlato con Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, organizzazione da tempo impegnata a contrastare pratiche commerciali che sviliscono un prodotto di alto valore

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri